Resistenza alla fatica

Nello studio dei materiali, per resistenza alla fatica s’intende il limite di carico entro cui un materiale, in teoria, può essere sottoposto a un numero illimitato di variazioni di carico, senza subire danni. In pratica, si parla spesso di resistenza operativa, poiché molti materiali – tra cui anche gli acciai ad alta resistenza -, anche se sottoposti a carichi leggeri, presentano una resistenza limitata a un elevato numero di variazioni.

Resistenza alla fatica

Oltre alla quantità, è decisivo anche il tipo di variazioni di carico. I fattori decisivi sono: pressione, trazione, flessione e torsione. Diversi tipi di variazioni/combinazioni possono ridurre notevolmente la durata dei materiali. In caso di carichi decisamente superiori al limite di fatica, i materiali vengono facilmente danneggiati.

Come si può migliorare la resistenza alla fatica?

I requisiti in termini di resistenza alla fatica dipendono dalla struttura del materiale. Le strutture in cui anche i più lievi effetti di intaglio influiscono sui componenti interessati, riducono la resistenza alla fatica dei materiali utilizzati. Tuttavia, non è sempre possibile modificare la struttura. Una possibilità di aumentare la resistenza alla fatica sono i processi di indurimento superficiale. Per l’acciaio di qualità o l’acciaio inox è indicato il trattamento BORINOX®. Questo processo a base di gas a bassa pressione aumenta di 5 volte la resistenza alla fatica della superficie. Nello stesso tempo, il processo non pregiudica le proprietà di protezione anticorrosione degli acciai trattati.