Acciaio Austenitico

La definizione di acciaio austenitico deriva dal termine austenite, che prende il nome da Sir William Chandler Roberts-Austen (1843-1902).
L’acciaio austenitico è un acciaio con più dell’8% di nichel e ha una struttura cristallina cubica a facce centrate. Insieme agli acciai ferritici e martensitici, appartiene al gruppo degli acciai inossidabili (inox) e presenta un’ottima combinazione di proprietà meccaniche e resistenza alla corrosione. Grazie a queste caratteristiche, gli acciai austenitici sono diffusi in tutti i campi in cui sono richieste elevate esigenze in termini di resistenza alla corrosione.
Al gruppo degli acciai austenitici appartengono ad esempio i seguenti materiali: 1.4301 (X5CrNi18-10, AISI 304), 1.4401 (X5CrNiMo17-12-2, AISI 316), 1.4404 (X2CrNiMo17-12-2, AISI 316L), 1.4571 (X6CrNiMoTi17-12-2, AISI 316 Ti).

Austenitic steel

Caratteristiche dell’acciaio austenitico

Il gruppo degli acciai inossidabili austenitici ha il grande vantaggio di presentare un’elevata resistenza a condizioni ambientali aggressive, in particolare alla corrosione. La struttura austenitica e la relativa duttilità elevata comportano eccezionali caratteristiche di tenacità, anche a basse temperature di utilizzo. La buona tenacità si traduce in scarsa truciolabilità del materiale.

L’acciaio austenitico con un elevato tenore di nichel ha le seguenti caratteristiche

  •  Elevata resistenza alla corrosione rispetto all’acciaio al cromo privo di nichel (soprattutto alla rottura da tensocorrosione)
  •  L’acciaio austenitico è ampiamente amagnetico (non ferromagnetico)
  •  Limite di snervamento basso (200–300 N/mm²) • Elevata resistenza alla trazione (700–1300 N/mm²)
  •  Elevato coefficiente di dilatazione termica (16,0 × 10−6 K−1 per il materiale 1.4301)
  • Densità 1.4301 (V2A, AISI 304): 7,9 g/cm3, 1.4401 (V4A, AISI 316L): 8,0 g/cm3
  •  Incrudibile non attraverso i tradizionali processi di trattamento termico
  • Buona saldabilità

Le caratteristiche dell’acciaio inossidabile sono richieste nell’industria, nelle tecnologie mediche e dentistiche, nel settore automobilistico, in edilizia e nell’industria chimica.La durezza relativamente bassa e la tendenza alla saldatura a freddo sono fattori limitanti in numerose applicazioni. Questi svantaggi possono essere eliminati con il metodo BORINOX®

Come può la tempra migliorare le proprietà dell’acciaio austenitico?

Le proprietà positive degli acciai contenenti nichel possono essere migliorate con il metodo BORINOX® senza compromettere la resistenza alla corrosione. Un vantaggio che i processi di tempra tradizionali di solito non possono offrire.Così, ad esempio, la durezza superficiale di un acciaio non trattato può essere aumentata da 200 HV a oltre 1300 HV. Tuttavia, nonostante questo notevole aumento della durezza superficiale, il metodo BORINOX® non influisce negativamente sulla resistenza alla corrosione. L’enorme incremento della durezza superficiale impedisce inoltre efficacemente l’usura da abrasione, l’usura da cavitazione e la saldatura a freddo degli accoppiamenti di acciaio senza ossidazione. Lo strato di diffusione prodotto è scuro e non tende a sfaldarsi come solitamente accade nei rivestimenti mediante il processo PVD, la cromatura, la nichelatura e l’iniezione termica.Per ulteriori informazioni sui materiali che possono essere trattati con il metodo BORINOX®, vedere qui.